Criticity foto flyer evento

Criticity – Forme collaborative tra comunità e progetto

Di Emma Zerial, Lorenzo Brunello
#Triennio
#Tesi
#DesignDellaComunicazione

Percorso di ricerca analisi e organizzazione progettuale sulla città contemporanea e sulle potenzialità dei vuoti urbani, applicato alla città di Firenze, che si concretizza in un ciclo di conferenze e una piattaforma online

  • Studenti: Emma Zerial, Lorenzo Brunello
  • Tesi: di I livello in Design
  • Anno Accademico: 2019 / 2020
  • Relatori: Raffaella Fagnoni, Marco Tognetti
  • Correlatori esterni: Daniele Busciantella Ricci, Ely Pacchierotti, Lorenzo Tripodi
  • Collaborazione: il progetto nasce all’interno dell’URBAN LAB 
    ImpactHub, CoDesign Toscana, ABA Firenze, Università degli Studi di Firenze, Tesserae, Wombat

Le registrazioni del primo ciclo di conferenze sono disponibile online sul sito del progetto: www.criticity.org

Visual Criticity - Futuri Urbani

Oggetto della tesi è un percorso di ricerca, analisi e organizzazione progettuale sulla città contemporanea e sulle potenzialità dei vuoti urbani, calato sulla città di Firenze. La ricerca si concretizza in diversi output, tra questi una repository sull’abbandono urbano e una sui casi di rigenerazione urbana, la concettualizzazione grafica delle teorie legate a questi temi e, infine, il principale, ossia una giornata di discussione e ricerca sul tema.

Inizialmente, infatti, l’obiettivo era quello di creare un’occasione di dialogo e confronto sui limiti e sulle opportunità della città contemporanea. Il progetto inaugurale, sarebbe consistito in una giornata seminariale interfacoltà che avrebbe visto coinvolti studenti e docenti di diverse università e dipartimenti di Firenze. A causa delle restrizioni dovute alla prevenzione della diffusione del Covid-19, Criticity è stato trasformato in un ciclo di conferenze online su vari temi connessi alle visioni e alle progettualità urbane, ma anche in una piattaforma online.

Con il primo ciclo di eventi si è voluto porre in evidenza tutte le contrapposizione tra i modelli urbani che oggi ci troviamo ad abitare e quei percorsi che invece potrebbero essere intrapresi. La riflessione attorno ai due modelli antitetici di città-negata e di città-critica, diviene oggi uno strumento di indagine e analisi delle grandi iniquità e contraddizioni che attraversano l’urbano, e al tempo stesso, un mezzo per poter disegnare una traiettoria verso la quale orientare il cammino della città.